polizia penitenziaria top

logo trasparente

facebook newemail icon png clipart backgroundwhatsappyoutube playtwitter

 

 

GRANDE VITTORIA DELLA UILPA Polizia Penitenziaria PER TUTTA LA POLIZIA PENITENZIARIA e i dipendenti della Pubblica Amministrazione! - Leggi il comunicato stampa - Qui la circolare inps del 22 dicembre 2023.

Roma, 04 Nov.  – “La mancata armonizzazione della disciplina delle fasce orarie di reperibilità ha fra l’altro determinato una disparità di trattamento del tutto ingiustificata fra i dipendenti pubblici e quelli del settore privato, considerato che un evento come la malattia non può essere trattato diversamente a seconda del rapporto di lavoro intrattenuto dal personale che ne viene colpito. Ne è quindi derivata la violazione dell’art. 3 della Costituzione, non essendo rispettato il principio di uguaglianza. Il mantenimento delle differenziate fasce orarie, con una durata complessiva, per il settore pubblico, quasi doppia rispetto a quella del settore privato (7 ore a fronte di 4 nell’arco di una giornata) è indicativo anche di uno sviamento di potere. Tali controlli ripetuti, associati a una restrizione delle ipotesi di esclusione dall’obbligo di rispettarle, sembrano piuttosto diretti a dissuadere dal ricorso al congedo per malattia, in contrasto con la tutela sancita dalla Carta costituzionale dall’art. 32”.

 

Sono solo alcuni dei principi di diritto ricavabili dalla sentenza del TAR del Lazio, pubblicata ieri, da noi adito nel 2018 con l’assistenza dello studio legale Lorenzo di Gaetano, del foro di Busto Arsizio, per acclarare l’illegittimità del decreto ministeriale n. 206 del 2017, meglio noto come ‘decreto Madia’, il quale disciplina le fasce orarie di reperibilità e le modalità con cui devono effettuarsi le visite di controllo nei confronti dei dipendenti pubblici che si assentano dal lavoro per malattia”.

Lo dichiara Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria.

“A volte bisogna attendere diversi anni, come in questo caso, ma nonostante tutto si trova un giudice a Berlino. Noi lo abbiamo trovato presso il TAR del Lazio, che ha accolto integralmente le nostre tesi, magistralmente esposte dall’avvocato Lorenzo di Gaetano, e ha annullato ‘in parte qua’ il decreto ministeriale Madia-Poletti, ministri dell’allora governo Gentiloni. Non solo, ma il TAR ha anche precisato che stante l’effetto conformativo riconosciuto alla sentenza, nell’adozione del nuovo decreto non potrà non tenersi conto di quanto statuito con la decisione in parola”, spiega il Segretario della UILPA Polizia Penitenziaria.

“A dispetto delle divagazioni del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo, il quale immagina, e ce ne vuole, il ‘posto figo’, la giustizia amministrativa, come ha già ripetutamente fatto anche la Corte Costituzionale con il TFR/TFS differito e, ancor prima, con il blocco dei rinnovi contrattuali, sancisce una volta in più che i dipendenti pubblici continuano a essere bistrattati e discriminati e che lo Stato va annoverato fra i peggiori datori di lavoro del Paese. Ora continueremo a seguire la vicenda auspicando che si risolva definitivamente, come sarebbe doveroso, per mano politica e via amministrativa, con la riscrittura del decreto ministeriale fedele alla delega di legge, e non ancora in un’aula di giustizia”, conclude De Fazio.

Leggi qui la nota UILPA ai ministri: Visite fiscali - Dopo ricorso UIL si dia esecuzione alla sentenza del TAR


DAI FORZA AI TUOI DIRITTI, DAI FORZA ALLA UILPA POLIZIA PENITENZIARIA - ISCRIVITI CON NOI!

"A cosa serve il Sindacato?" Leggiamo spesso sui social.
Ed è vero che la risposta è deludente considerato che sembrerebbe che alcune OO.SS. siano in vita esclusivamente per giochi di potere, interessi economici di pochi, scambio di favori e regali.
E soprattutto (altri) a fare ricorsi temerari per portar via soldi ai colleghi!!!
La UILPA Polizia Penitenziaria serve, perchè ha a cuore gli iscritti, ha a cuore la Polizia Penitenziaria.
Stai pensando a quale sindacato iscriverti! l'Hai trovato.
Dai forza alla UILPA Polizia Penitenziaria, dai forza ai tuoi diritti!
 


Orari Visite fiscali dipendenti privati e pubblici prima del decreto Madia
Le fasce orarie di orarie di reperibilità per la visita fiscale dei dipendenti del settore privato 7 giorni su 7 compresi festivi vanno: mattina: dalle ore 10.00 alle ore 12.00; pomeriggio: dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

 

 

Orari Visite fiscali dipendenti pubblici con il decreto Madia

L'obbligo di visita fiscale per dipendente pubblici vale nelle fasce orarie di malattia 9:00-13:00 e 15:00-18:00 durante le quali il medico INPS potrà presentarsi a casa o al domicilio prescelto per eseguire il controllo. Questi orari di malattia valgono per giorni festivi e non festivi 7 giorni su 7.

 

Fonte: UILPA Polizia Penitenziaria

 

RASSEGNA STAMPA:

 

 la_uilpa_penitenziaria_vince_al_tar_visite_fiscali_1.jpg

 

Potrebbe interessarti anche:

Lunedì, 18 Settembre 2023 07:46

E-Mail (@polpenuil.it)

Accedi a Aruba WebMail

 

Qui le Istruzioni per l'uso

Notizie dal territorio - Desktop

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Elenco per istituto